Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

PARADIGM-HF: l’inibizione angiotensina-neprilisina superiore alla ACE inibizione


LCZ696, un inibitore del recettore dell'angiotensina-neprilisina, è risultato superiore alla ACE inibizione con Enalapril ( Enapren ) riguardo alla riduzione della mortalità e della ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione.

LCZ696 è costituito dal bloccante del recettore dell'angiotensina, Valsartan, legato all’inibitore della neprilisina Sacubitril.

L'attuale gold standard del trattamento dello scompenso cardiaco è rappresentato dagli ACE inibitori, che hanno dimostrato di avere un effetto sulla sopravvivenza.

Lo studio PARADIGM-HF ha arruolato 8.442 pazienti con scompenso cardiaco ( classe NYHA II, III o IV ) e con frazione di eiezione uguale o inferiore al 40%, assegnati in modo casuale a ricevere LCZ696 400 mg al giorno oppure Enalapril 20 mg al giorno in aggiunta alla terapia standard.
L'età media dei pazienti era di 63.8 anni, un quinto erano donne, e il 66% era di razza bianca.

Nel mese di aprile, la società produttrice, Novartis, aveva interrotto in modo anticipato lo studio PARADIGM-HF dopo il raggiungimento dell'endpoint composito primario ( morte cardiovascolare, ospedalizzazione per scompenso cardiaco ).

Al momento della chiusura dello studio, l'endpoint primario si era verificato nel 21.8% dei pazienti assegnati a LCZ696 contro il 26.5% dei pazienti trattati con Enalapril ( hazard ratio, HR = 0.8, 95% CI, 0.73-0.87 ).

Il 17% dei pazienti assegnati al gruppo LCZ696 e il 19.8% dei pazienti assegnati ad Enalapril sono morti per qualsiasi causa ( HR = 0.84, IC 95%, 0.76-0.93 ).
La morte per cause cardiovascolari si è verificata nel 13.3% dei pazienti assegnati a LCZ696 contro il 16.5% di quelli trattati con Enalapril ( HR = 0.8, 95% CI, 0.71-0.89).

LCZ696 ha ridotto il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca del 21% rispetto ad Enalapril ( P inferiore a 0.001 ), ed è stato anche associato a un miglioramento dei sintomi dello scompenso cardiaco ( P = 0.001 ).

I dati sulla sicurezza hanno indicato che i pazienti trattati con LCZ696 avevano più alti tassi di ipotensione e angioedema non-grave rispetto ai pazienti assegnati ad Enalapril.
La tosse, la creatinina sierica maggiore o uguale a 2.5 mg/dL e il potassio sierico maggiore di 6 mmol/L sono stati riportati meno frequentemente nei pazienti assegnati a LCZ696 ( P inferiore a 0.05 per tutti ).
Non è stato segnalato alcun aumento del rischio di forma grave di angioedema.
Il gruppo LCZ696 ha presentato più bassi tassi di interruzione dello studio a causa di un evento avverso ( 10.7% vs 12.3%, P = 0.03 ) o insufficienza renale ( 0.7% vs 1.4%, p = 0.002 ).

La constatazione che LCZ696 ha un effetto del 20% maggiore degli ACE-inibitori sulla mortalità cardiovascolare depone a favore dell’impiego di LCZ696 in sostituzione degli ACE-inibitori e dei bloccanti del recettore della angiotensina nella insufficienza cardiaca. ( Xagena2014 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Meeting, 2014

Cardio2014 Farma2014


Indietro