52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Pazienti post-infartuati trattati con anticoagulanti: i farmaci antinfiammatori non-steroidei sono associati ad aumentato rischio di sanguinamento


Anche un breve ciclo di terapia con farmaci anti-infiammatori non-steroidei ( FANS ) è risultato associato a un aumentato rischio di sanguinamento maggiore nei pazienti in terapia antitrombotica dopo aver avuto un infarto del miocardio.
Il rischio è risultato aumentato senza alcuna differenza per il regime antitrombotico utilizzato.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati di questo studio osservazionale.

Diverse lineeguida scoraggiano l'uso di FANS in persone con una storia di infarto miocardico, tra cui le raccomandazioni della American Heart Association e dell'Agenzia europea per i medicinali, EMA.

I ricercatori hanno analizzato i dati di quattro registri sanitari danesi, e hanno identificato circa 62.000 adulti ( età media 67.7 anni ) ricoverati per infarto miocardico nel periodo 2002-2011 e in trattamento con farmaci antitrombotici, di cui quasi 21.000 ( 33.8% ) aveva ricevuto almeno una prescrizione di antinfiammatori.

Durante un follow-up mediano di 3.5 anni, ci sono stati 5.288 eventi emorragici maggiori nella coorte di studio, tra cui 799 episodi di sanguinamento ad esito fatale.

L'incidenza di eventi emorragici maggiori è stata del 4.2 per 100 anni-persona tra i pazienti trattati con FANS, rispetto al 2.2 per 100 anni-persona senza terapia con FANS ( hazard ratio, HR=2 ).
Il rischio di sanguinamento era marcatamente aumentato dal primo giorno di esposizione ai FANS ( HR=3.37 nei giorni 0-3 ), ed è persistito fino a 90 giorni.
Questo modello è risultato coerente in tutti i regimi antitrombotici, indipendentemente dal fatto che i FANS prescritti fossero inibitori selettivi di COX-2, come Rofecoxib o Celecoxib, oppure inibitori non-selettivi di COX-2 inibitori, come Ibuprofene o Diclofenac.

Quando gli eventi di sanguinamento gastrointestinale maggiore sono stati considerati singolarmente, l'incidenza è stata pari a 2.1 eventi per 100 anni-persona tra gli utilizzatori di FANS, rispetto a solo 0.8 eventi per 100 anni-persona senza FANS ( HR=2.65 ).
L'incidenza di eventi cardiovascolari combinati era pari a 11.2 per 100 anni-persona tra gli utilizzatori di FANS, contro 8.3 per 100 anni-persona senza FANS ( HR=1.4 ).

Questi risultati si sono mantenuti inalterati quando sono stati esclusi dall'analisi i pazienti con artrite reumatoide, i pazienti ad alto rischio di sanguinamento a causa di comorbidità, tra cui malignità, insufficienza renale acuta o cronica, o una storia di eventi emorragici. ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of American Medical Association ( JAMA ), 2015

Cardio2015 Emo2015 Reuma2015 Farma2015


Indietro