52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Prevenzione primaria con Acidi grassi Omega-3 marini: nessuna riduzione del rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori


La supplementazione con Acidi grassi Omega-3 marini non è risultata associata a una ridotta probabilità di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) o cancro invasivo rispetto al placebo.

I partecipanti allo studio VITAL ( Vitamin D e Omega-3 Trial ), di sesso maschile e femminile, rispettivamente di 50 e 55 anni o più anziani, sono stati randomizzati a ricevere (a) Vitamina D e Omega-3, ogni giorno, (b) Vitamina-D e placebo ( Omega-3 ), ogni giorno, (c) placebo ( Vitamina-D ) e Omega-3, ogni giorno, oppure (d) placebo ( Vitamina-D ) e placebo ( Omega-3 ), ogni giorno.

Un totale di 25.871 partecipanti sono stati randomizzati a ricevere Acido Eicosapentaenoico ( EPA ) con Acido Docosaesaenoico ( DHA ) ( n = 12.933 ) oppure placebo ( n = 12.938 ).

I ricercatori hanno utilizzato questionari per raccogliere dati sui fattori di rischio clinici e sullo stile di vita al basale.
Inoltre, è stato utilizzato un questionario dietetico per raccogliere dati sul consumo di Acidi grassi Omega-3 nella coorte.

I principali eventi cardiovascolari, tra cui infarto miocardico, ictus, o mortalità per cause cardiovascolari, e cancro invasivo rappresentavano l'endpoint primario.
Inoltre, i singoli componenti dell'endpoint composito cardiovascolare, l'endpoint composito in aggiunta alla rivascolarizzazione coronarica, i tumori siti-specifici e la mortalità correlata al tumore sono stati inclusi come endpoint secondari.

Meno pazienti nel gruppo supplementazione con Omega-3 hanno manifestato un evento avverso cardiovascolare maggiore durante un follow-up mediano di 5.3 anni versus gruppo placebo ( n = 386 vs n = 419, rispettivamente; hazard ratio [ HR ], 0.92, IC 95%, 0.80-1.06; P = 0.24 ), ma la differenza non era significativa.

Nessuna differenza è stata osservata tra i gruppi Omega-3 e placebo in termini di incidenza di cancro invasivo ( n = 820 vs n = 797, rispettivamente; HR=1,03, IC 95%, 0.93-1.13, P = 0.56 ).

Per quanto riguarda gli endpoint secondari, nessuna differenza significativa è stata trovata tra i due gruppi nel composito esteso di eventi cardiovascolari ( HR=0.93, IC 95%, 0.82-1.04 ), infarto miocardico totale ( HR=0.72; IC 95%, 0.59-0.90 ), ictus totale ( HR=1.04, IC 95%, 0.83-1.31 ), decessi per cause cardiovascolari ( HR=0.96, IC 95%, 0.76-1.21 ) e mortalità correlata al tumore ( HR=0.97; IC 95%, 0.79-1.20 ).

La supplementazione con Omega-3 è relativamente sicura e non è associata a nessun evento avverso grave o a rischio eccessivo di sanguinamento. ( Xagena2018 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions 2018

Cardio2018 Farma2018


Indietro