Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Rischio a lungo termine di mortalità per malattie cardiovascolari tra i sopravvissuti al linfoma di Hodgkin classico


L'andamento temporale della mortalità per malattie cardiovascolari ( CVD ) nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) durante il follow-up rimane non-ben-definito.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare questa tendenza temporale nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico.

La coorte multicentrica comprendeva 15.889 pazienti con linfoma cHL, diagnosticati tra il 1983 e il 2015, che coprivano tutte le età.
Sono stati analizzati il ​​rapporto di mortalità proporzionale, l'incidenza cumulativa della mortalità per causa specifica che tiene conto del rischio concorrente, il rapporto di mortalità standard e il rischio assoluto in eccesso.

Tra i pazienti con linfoma di Hodglin classico in stadio I e stadio II, il rapporto di mortalità proporzionale per malattia cardiovascolare ha superato quello per linfoma cHL, rispettivamente dopo circa 60 o 120 mesi di follow-up.

Per quasi tutti i pazienti con malattia in stadio I o stadio II, l'incidenza cumulativa di mortalità per malattia cardiovascolare ha superato nel tempo quella del linfoma cHL e di altre neoplasie.

Negli ultimi decenni, il rischio di mortalità per linfoma cHL è diminuito drasticamente, ma il rischio di mortalità per malattia cardiovascolare tra i pazienti con linfoma cHLsi è ridotto abbastanza lentamente o addirittura è rimasto invariato in alcune popolazioni.

I pazienti con malattia in stadio I o stadio II hanno presentato un rischio maggiore di mortalità per malattia cardiovascolare rispetto alla popolazione generale in quasi tutti gli intervalli di follow-up.
Il rischio assoluto in eccesso di malattia cardiovascolare tra i pazienti allo stadio I ha raggiunto 48.5.

In conclusione, il rischio di mortalità per malattia cardiovascolare ha superato la mortalità per linfoma di Hodgkin classico e di altre neoplasie, ed è diventata la principale causa di morte nel tempo, tra i pazienti con malattia ematologica in stadio I o stadio II.
Dovrebbero, pertanto, essere adottate misure più efficaci per ridurre il rischio di mortalità per malattia cardiovascolare tra i sopravvissuti al linfoma di Hodgkin classico. ( Xagena2022 )

Lu Z et al, Cancer 2022; Online ahead of print

Cardio2022 Emo2022 Onco2022



Indietro