Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata: NT-pro-BNP prevede gli eventi. La combinazione Sacubitril e Valsartan ne abbassa i livelli


Una analisi dello studio PARAGON-HF ha mostrato che il frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B, al basale, nei pazienti con scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata ha predetto con precisione i ricoveri per scompenso cardiaco e la mortalità per cause cardiovascolari.

Inoltre, la combinazione di Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) ha abbassato con successo NT-pro-BNP oltre 16 settimane dopo la randomizzazione, con riduzioni simili sia negli uomini che nelle donne e nel range della frazione di eiezione del ventricolo sinistro.

Secondo PARAGON-HF, Sacubitril e Valsartan non avevano migliorato significativamente gli esiti clinici nella coorte complessiva, ma le donne avevano maggiori probabilità di beneficiare del trattamento rispetto agli uomini; i pazienti con frazione di eiezione del 57% o inferiore avevano maggiori probabilità di beneficio rispetto a quelli con frazione di eiezione maggiore del 57%.

In una recente analisi, in una coorte di pazienti con valori NT-pro-BNP mediani di 911 pg/mL al basale, il livello di NT-pro-BNP allo screening era associato a un forte valore prognostico per eventi di scompenso, definito come ricovero per scompenso cardiaco totale e morte cardiovascolare ( RR per aumento di log in NT-pro-BNP = 1.68; IC 95%, 1.53-1.85).

Inoltre, questa associazione è risultata più forte nei pazienti con fibrillazione atriale ( RR aggiustato [ aRR ] per fibrillazione atriale = 2.33; IC 95%, 1.89-2.87; aRR nei pazienti senza fibrillazione atriale = 1.58; IC 95%, 1.42-1.75; P per interazione inferiore a 0.001 ) e più debole nei pazienti con obesità ( aRR per l'obesità = 1.5; IC 95%, 1.31-1.71; aRR nei pazienti non-obesi = 1.92; IC 95%, 1.7-2.17; P per interazione inferiore a 0.001 ).

Il livello di NT-pro-BNP allo screening non ha modificato l'effetto del trattamento di Sacubitril e Valsartan rispetto al solo Valsartan ( interazione P = 0.96 ).

La combinazione di Sacubitril e Valsartan ha ridotto i livelli di NT-pro-BNP del 19% a 16 settimane ( IC 95%, 14-23; P inferiore a 0.001 ) e del 17% a 48 settimane ( IC 95%, 11-22; P inferiore a 0.001 ) rispetto al solo Valsartan.
Riduzioni simili sono state osservate sia per gli uomini ( 20% ) che per le donne ( 18% ) e per i pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra del 57% o inferiore ( 20% ) e più del 57% ( 18% ). ( Xagena2020 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro