Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Sostituzione della valvola aortica per via transcatetere associata a un tasso composito di mortalità e ictus del 26% a 1 anno


Uno studio ha mostrato che, negli Stati Uniti, 1 anno dopo la sostituzione della valvola aortica per via transcatetere ( TAVR ), il tasso di mortalità complessiva è stato pari al 23.7%, il tasso di ictus è stato del 4.1%, e l'esito composito di morte e di ictus è stato del 26.0%.

La procedura di impianto via transcatetere è sempre più utilizzata nei pazienti ad alto rischio con stenosi aortica.

Sono stati esaminati gli esiti a 1 anno, analizzando i dati amministrativi dei Centers for Medicare & Medicaid Services e i dati clinici del Transcatheter Valve Therapies Registry, una iniziativa della Society of Thoracic Surgeons e dell’American College of Cardiology.

Lo studio ha coinvolto 12.182 pazienti sottoposti a TAVR presso 299 Centri medici negli Stati Uniti nel corso di un periodo di 19 mesi.
L’età media dei pazienti era di 84 anni; il 95% era di razza bianca e il 52% era di sesso femminile.
L'approccio transfemorale era stato utilizzato nella maggior parte dei pazienti, ma approcci alternativi erano stati utilizzati in circa il 44% dei pazienti.

Come atteso per una popolazione anziana ad alto rischio, lo stato funzionale al basale era non-buono e le comorbidità erano comuni.
Il 26% dei pazienti presentava ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra, il 12% un precedente ictus, il 28% malattia polmonare in forma moderata o grave, il 16% insufficienza renale, il 32% malattia vascolare periferica, e il 42% fibrillazione atriale.

Il tasso a 1 anno di ri-ospedalizzazione è stato pari al 24.4%, quello di due ri-ospedalizzazioni al 12.5%, e quello di tre o più ri-ospedalizzazioni all’11.6%.
Il tasso di riammissione a 1 anno specificatamente per ictus, insufficienza cardiaca, o ripetizione dell’intervento di sostituzione della valvola aortica è stato pari al 18.6%.

Le riospedalizzazioni rappresentano un indice di qualità di vita inaccettabile e sono molto costose.

Diverse caratteristiche di base, tra cui il sesso maschile, la grave broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ), la malattia renale allo stadio terminale dialisi-dipendente, l'età avanzata, il più alto punteggio STS Predicted Risk of Operative Mortality ( STS PROM ), una storia di fibrillazione atriale / flutter atriale, e l'uso di una via di accesso diversa dalla via transfemorale, erano associate in modo indipendente a una maggiore mortalità a 1 anno.

Potrebbe essere utile identificare i pazienti che non possono beneficiare della TAVR. Nello studio è stato trovato un piccolo sottoinsieme di pazienti ad alto rischio ( n=77 ): età compresa tra 85 e 94 anni, in dialisi, e che avevano un punteggio STS PROM superiore del 15%; in questa coorte la mortalità a 1 anno è stata del 53.5%. ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of American Medical Association ( JAMA ), 2015

Cardio2015 Chiru2015



Indietro