Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Sotagliflozin, un doppio inibitore di SGLT, ha mostrato benefici cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2


Gli adulti con diabete mellito di tipo 2 e peggioramento dello scompenso cardiaco o a rischio cardiovascolare assegnati a Sotagliflozin ( Zynquista ), un doppio inibitore SGLT1 / SGLT2, hanno riscontrato un rischio ridotto di morte per cause cardiovascolari e ospedalizzazione o visite urgenti per scompenso cardiaco, rispetto al placebo.

In due studi randomizzati e controllati che hanno valutato più di 11.000 partecipanti, è stata anche osservata una riduzione dell'ictus tra quelli a cui è stato assegnato Sotagliflozin, rispetto al placebo.

Una quantità crescente di dati di studi clinici ora supporta i benefici cardiovascolari e renali degli inibitori SGLT2 per gli adulti con e senza diabete di tipo 2.
La combinazione delle capacità di blocco di SGLT2 e di SGLT1 da parte di Sotagliflozin è associato a una maggiore eliminazione del glucosio nel tratto digestivo, un beneficio che è stato osservato anche nei partecipanti allo studio con grave insufficienza renale.

Sono stati condotti due studi paralleli di Sotagliflozin in adulti con diabete mellito di tipo 2 con e senza malattia cardiovascolare.

IN SOLOSIT, sono stati analizzati i dati di 1.222 partecipanti con diabete di tipo 2 ricoverati di recente in ospedale per peggioramento dello scompenso cardiaco, assegnati in modo casuale a Sotagliflozin ( n = 608 ) oppure a placebo ( n = 614) e seguiti per una mediana di 9 mesi.
L'endpoint primario era il numero totale di decessi per cause cardiovascolari e ospedalizzazioni e visite urgenti per scompenso cardiaco ( primo e successivi eventi ).
Lo studio SOLOIST si è concluso in anticipo per motivi di natura finanziaria.

In SCORED, sono stati analizzati i dati di 10.584 partecipanti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica a rischio di malattia cardiovascolare, assegnati in modo casuale a Sotagliflozin ( n = 5.292 ) oppure a placebo ( n = 5.292 ) e seguiti per una mediana di 16 mesi.
L'endpoint primario, modificato durante lo studio, era il composito costituito da decessi per cause cardiovascolari, ricoveri e visite urgenti per scompenso cardiaco.
SCORED si è concluso in anticipo per motivi di natura finanziaria.

In SOLOIST, i ricercatori hanno osservato 245 eventi dell'endpoint primario nel gruppo Sotagliflozin e 355 eventi nel gruppo placebo, per un tasso di eventi di 51 versus 76.3 per 100 pazienti-anno, un hazard ratio ( HR ) di 0.67 ( IC 95%, 0.52-0.85; P inferiore a 0.001 ) e un numero necessario per il trattamento ( NTT ) di 4.

In SCORED, è stata riscontrata una riduzione del 26% dello stesso endpoint primario tra i partecipanti assegnati a Sotagliflozin rispetto al placebo ( HR = 0.74; IC 95%, 0.63-0.88; P = 0.0004 ), con un numero necessario per il trattamento di 54.

I pazienti in SCORED erano ambulatoriali in condizioni stabili a differenza del primo studio, SOLOIST, che comprendeva pazienti ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca.
In SOLOIST, i benefici sono risultati statisticamente significativi per circa 1 mese in una popolazione acuta.
Nella popolazione ambulatoriale SCORED con caratteristiche di malattia cronica, i benefici si sono mantenuti per circa 3 mesi.

Valutando il tasso di morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale in SCORED, i ricercatori hanno osservato una riduzione del 23% del rischio con Sotagliflozin rispetto al placebo ( HR = 0.77; IC 95%, 0.65-0.91; P = 0.002 ), con benefici osservati approssimativamente 3 mesi dopo l'inizio della terapia.

Nelle analisi post hoc per SCORED che hanno valutato l'infarto miocardico totale ( fatale e non-fatale, o ictus totale ( fatale e non-fatale ), sono state anche osservate riduzioni significative con Sotagliflozin versus placebo ( HR = 0.77; IC 95%, 0.65-0.91; P = 0.002 ).

Questa è la prima volta che uno studio con un inibitore SGLT2 abbia mostrato una riduzione dell'ictus come endpoint.

La minore incidenza di infarto miocardico e di ictus osservata tra i partecipanti assegnati a Sotagliflozin ha indicato anche un possibile effetto anti-ischemico con l'inibizione di SGLT1; tuttavia, questa osservazione deve essere confermata. ( Xagena2020 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2020

Cardio2020 Neuro2020 Endo2020 Farma2020


Indietro