Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Studio EXPLORER-HCM: Mavacamten migliora la funzione cardiaca e i sintomi nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva


I risultati dello studio EXPLORER-HCM hanno mostrato che Mavacamten migliora la funzione cardiaca e i sintomi nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( HCM ) ostruttiva .

I trattamenti medici attualmente disponibili per la cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva si concentrano sul sollievo dai sintomi, e non riescono ad affrontare le cause sottostanti e sono associati a una efficacia modesta o a eventi avversi sostanziali.
Sebbene la miectomia chirurgica del setto e l'ablazione del setto con alcol siano efficaci, comportano i rischi inerenti alle procedure invasive e richiedono competenze specifiche.
Una terapia farmacologica efficace per la cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva è quindi un bisogno insoddisfatto, in particolare, per i pazienti che soffrono di sintomi debilitanti e che alterano la vita.

Mavacamten è un inibitore della miosina cardiaca di prima classe che agisce direttamente sulla fisiopatologia sottostante della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.
Nei primi studi clinici, Mavacamten ha portato a miglioramenti significativi dei sintomi, della funzione fisica, della capacità di esercizio e della qualità di vita, e ha ridotto l'ostruzione del tratto di efflusso ventricolare sinistro ( LVOT ) nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.

Nello studio di fase 3 EXPLORER-HCM, 251 pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sintomatica sono stati randomizzati a Mavacamten una volta al giorno ( 5 mg inizialmente con una titolazione della dose in due fasi ) oppure a placebo per 30 settimane.

L'endpoint primario era l'effetto del trattamento di Mavacamten alla settimana 30 rispetto al placebo sia sui sintomi sia sulla funzione cardiaca, definito come il raggiungimento di:

a) miglioramento maggiore o uguale a 1.5 mL/kg/min del consumo massimo di ossigeno ( picco VO2 ) e riduzione della classe NYHA ( New York Heart Association ) maggiore o uguale a 1, oppure

b) miglioramento maggiore o uguale a 3.0 mL/kg/min del picco di VO2 e nessun peggioramento della classe NYHA.

Gli endpoint secondari includevano la variazione dal basale alla settimana 30 del gradiente LVOT post-esercizio e gli esiti riportati dai pazienti alle scale KCCQ-CSS ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire - Clinical Summary Score ) e HCMSQ-SoB ( HCM Symptom Questionnaire - Shortness-of-Breath ).

Alla settimana 30, 45 ( 36.6% ) pazienti trattati con Mavacamten hanno raggiunto l'endpoint primario rispetto a 22 ( 17.2% ) pazienti trattati con placebo ( p = 0.0005 ).
Tutti gli endpoint secondari, compreso il gradiente LVOT post-esercizio e gli esiti riportati dai pazienti, hanno anche dimostrato miglioramenti significativi per Mavacamten rispetto al placebo ( tutti p inferiore a 0.0006 ).

La sicurezza e la tollerabilità di Mavacamten erano simili al placebo. Circa 11 eventi avversi gravi sono stati riportati nell'8.1% dei pazienti trattati con Mavacamten rispetto a 20 eventi nell'8.6% dei pazienti trattati con placebo.
Eventi avversi cardiaci gravi si sono verificati in 4 pazienti trattati con Mavacamten ( fibrillazione atriale [ FA ], n = 2; cardiomiopatia da stress, n = 2 ) e 4 nel gruppo placebo ( FA, n = 3; FA e insufficienza cardiaca congestizia, n = 1 ).

I risultati di questo studio cardine hanno mostrato il beneficio del trattamento con Mavacamten rispetto al placebo nei pazienti in terapia di base per la cardiomiopatia ipertrofica.
Mavacamten ha migliorato la capacità funzionale, il gradiente LVOT, i sintomi e gli aspetti chiave della qualità di vita nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, ed è stato generalmente ben tollerato. ( Xagena )

Fonte: ESC Digital Congress, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro