Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Studio LEAF: la perdita di peso prima della procedura conferisce migliori risultati nell'ablazione della fibrillazione atriale


Tra i pazienti con fibrillazione atriale che hanno scelto di sottoporsi ad ablazione transcatetere, quelli che avevano perso almeno il 3% del peso corporeo prima della procedura avevano maggiori probabilità di essere liberi da fibrillazione atriale a 6 mesi.

Sono stati arruolati 65 pazienti con indice di massa corporea ( BMI ) di 27 kg/m2 o più che presentavano fibrillazione atriale persistente o parossistica e avevano scelto di sottoporsi ad ablazione transcatetere.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a un periodo di pre-ablazione di 3 mesi e sono stati assegnati in modo casuale alla sola modifica del fattore di rischio standard o alla modifica del fattore di rischio standard più Liraglutide.

Il peso è un fattore di rischio molto importante per la fibrillazione atriale e influisce anche sugli esiti.
Nel 2019, la modifica dei fattori di rischio e la perdita di peso sono state incluse come raccomandazione di classe I per i pazienti obesi e in sovrappeso con fibrillazione atriale.
E' noto che il tessuto adiposo epicardico è anche un fattore di rischio per la fibrillazione atriale ed è stato associato a esiti dopo la fibrillazione atriale.
Alcuni studi sull'effetto della Liraglutide ( Saxenda ), un agonista di GLP-1, avevano mostrato sia la perdita di peso che una sostanziale riduzione del grasso epicardico.

Il nuovo studio è stato progettato per determinare se, dati i suoi effetti sul peso e sul grasso epicardico, la Liraglutide assunta prima dell'ablazione transcatetere fosse in grado di migliorare i risultati.

Dei 59 pazienti che non si sono ritirati prima dell'ablazione, l'età media era di 62 anni, il 27% era composto da donne, il peso medio era di 106,4 kg, l'indice BMI medio era di 36,1 kg/m2 e il 79% presentava fibrillazione atriale persistente.

Per l'analisi ad interim, i pazienti sono stati stratificati in base al fatto che la perdita fosse stata: inferiore al 3% del peso corporeo ( gruppo 1 ) o dal 3% al 10% del peso corporeo ( gruppo 2 ) tra l'arruolamento e il momento dell'ablazione ( almeno 3 mesi ).

A 6 mesi dall'ablazione, il gruppo 1 ha manifestato un aumento di peso medio dello 0,2% e il gruppo 2 ha avuto una perdita di peso media del 5,6%.

Il tasso di libertà dalla fibrillazione atriale senza farmaci antiaritmici a 6 mesi è stato del 61% nel gruppo 1 e dell'88% nel gruppo 2 ( test di Fisher P = 0,046; regressione logistica ordinale [ OLR ] P = 0,031 ).

Nei pazienti con fibrillazione atriale persistente, compreso un paziente la cui fibrillazione atriale si è risolta con la perdita di peso e non necessitava di ablazione transcatetere, il tasso di libertà dalla fibrillazione atriale senza farmaci antiaritmici a 6 mesi è stato del 61% nel gruppo 1 e del 90% nel gruppo 2 ( Fisher test P = 0.058; OLR P = 0.051 ) e a 12 mesi era del 42% nel gruppo 1 e dell'81% nel gruppo 2 ( test di Fisher P = 0.05; OLR P = 0.038 ).

L'effetto di Liraglutide sui risultati non è stato ancora analizzato. ( Xagena2023 )

Fonte: Heart Rhythm Meeting 2023

Cardio2023 Endo2023 Farma2023



Indietro