Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Studio PLATO: Ticagrelor superiore al Clopidogrel nei pazienti con sindrome coronarica acuta


Ticagrelor ( Brilinta ) riduce l’incidenza di eventi cardiovascolari e di mortalità in misura maggiore rispetto al Clopidogrel ( Plavix ) nei pazienti con sindrome coronarica acuta.

Lo studio PLATO ( A Study of Platelet Inhibition and Patient Outcomes ) ha coinvolto 18.624 pazienti a rischio moderato-grave di sindrome coronarica acuta, che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ticagrelor ad una dose di carico di 180 mg seguita da una dose di mantenimento di 90 mg 2 volte die, oppure Clopidogrel alla dose di carico di 300 mg e una dose di mantenimento di 75 mg die.

In media i pazienti sono stati trattati per 9 mesi ( 6-12 mesi ).

Ad 1 anno di follow-up, la percentuale dell’endpoint primario ( morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus ) è risultata più bassa nel gruppo Ticagrelor ( 9.8% versus 11.7% con Clopidogrel ), indicando una riduzione del rischio relativo del 16% ( p=0.0003 ).

La riduzione del rischio era dovuta alla diminuzione della morte cardiovascolare ( 4% versus 5.1%, hazard ratio, HR=0.79; p=0.001 ) e dell’infarto miocardico ( 5.8% versus 6.9%; HR=0.84; p=0.005 ), mentre non è stata riscontrata nessuna differenza nell’incidenza di ictus.

Le differenze degli effetti del trattamento sono divenute evidenti a 30 giorni e si sono mantenute per tutta la durata dello studio.

Ticagrelor era anche associato ad una significativamente più bassa mortalità per qualsiasi causa ( 4.5% versus 5.9% con Clopidogrel; p
Non è stata riscontrata alcuna differenza riguardo alla percentuale di sanguinamento maggiore: 11.6% con Ticagrelor e 11.2% con Clopidogrel. ( Xagena2009 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2009


Cardio2009 Farma2009


Indietro