Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Terapia antinfiammatoria con Canakinumab per la malattia aterosclerotica


Dati sperimentali e clinici suggeriscono che ridurre l'infiammazione senza alterare i livelli di lipidi può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.
Tuttavia, l'ipotesi infiammatoria dell'aterotrombosi è rimasta poco sviluppata.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, di Canakinumab, un anticorpo monoclonale terapeutico mirato all'interleuchina-1-beta, che ha coinvolto 10.061 pazienti con precedente infarto miocardico e un livello di proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ) di 2 mg o più per litro.
Lo studio ha confrontato tre dosi di Canakinumab ( 50 mg, 150 mg e 300 mg, somministrate per via sottocutanea ogni 3 mesi ) con placebo.

L'endpoint primario di efficacia era l'infarto miocardico non-fatale, l'ictus non-fatale o la morte cardiovascolare.

A 48 mesi, la riduzione mediana rispetto al basale del livello di proteina C-reattiva ad alta sensibilità è stata di 26 punti percentuali maggiore nel gruppo che ha ricevuto la dose da 50 mg di Canakinumab, 37 punti percentuali maggiore nel gruppo da 150 mg e 41 punti percentuali maggiore nel gruppo da 300 mg rispetto al gruppo placebo.

Canakinumab non ha ridotto i livelli dei lipidi rispetto al basale.

A un follow-up mediano di 3.7 anni, il tasso di incidenza per l'endpoint primario è stato di 4.50 eventi per 100 anni-persona nel gruppo placebo, 4.11 eventi per 100 anni-persona nel gruppo da 50 mg, 3.86 eventi per 100 anni-persona nel gruppo da 150 mg e 3.90 eventi per 100 anni-persona nel gruppo da 300 mg.

Gli hazard ratio ( HR ) rispetto al placebo sono stati i seguenti: nel gruppo da 50 mg, 0.93 ( P=0.30 ); nel gruppo da 150 mg, 0.85 ( P=0.021 ); nel gruppo da 300 mg, 0.86 ( P=0.031 ).

La dose da 150 mg, ma non le altre dosi, ha raggiunto la soglia prespecificata aggiustata di significatività statistica per l'endpoint primario e l'endpoint secondario che includeva anche l'ospedalizzazione per angina instabile con conseguente rivascolarizzazione urgente ( hazard ratio vs placebo, 0.83, P=0.005 ).

Canakinumab è stato associato a una più alta incidenza di infezione fatale rispetto al placebo.

Non c'è stata alcuna differenza significativa nella mortalità per tutte le cause ( hazard ratio per tutte le dosi di Canakinumab vs placebo, 0.94, P=0.31 ).

In conclusione, la terapia anti-infiammatoria mirata alla via di immunità innata interleuchina-1-beta con Canakinumab alla dose di 150 mg ogni 3 mesi ha portato a una percentuale significativamente più bassa di eventi cardiovascolari ricorrenti rispetto al placebo, indipendentemente dall'abbassamento dei livelli lipidici. ( Xagena2017 )

Ridker PM et al, N Engl J Med 2017; 377: 1119-1131

Cardio2017 Farma2017


Indietro