52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Uso di Cocaina e Marijuana correlato alla mortalità nei giovani pazienti con infarto miocardico


Uno studio retrospettivo ha indicato che l'uso di Marijuana e/o Cocaina è associato a una peggiore sopravvivenza nelle persone che hanno sofferto di un infarto del miocardio in giovane età.

Tra gli adulti di 50 anni o più giovani, coloro che hanno riportato di aver fatto uso di Cocaina o di Marijuana poco prima dell'infarto miocardico, o che erano positivi all'uso di Cocaina o di Marijuana all'esame tossicologico, avevano una probabilità due volte maggiore di morire per cause cardiovascolari o per qualsiasi causa durante un follow-up mediano di 11 anni.

Sebbene sia ben noto che l'uso di Cocaina sia un forte fattore di rischio per l'infarto miocardico, una recente meta-analisi ha indicato che non ci sono evidenze sufficienti a sostegno della associazione tra uso di Marijuana e gli esiti cardiovascolari.

Con la crescente legalizzazione della Marijuana sia come medicinale sia come uso ricreativo, c'è un urgente bisogno di comprendere gli effetti sulla salute della Marjuana.

Sono stati analizzati i dati del Registro YOUNG-MI di 2097 pazienti di età pari o inferiore a 50 anni che avevano un infarto miocardico di tipo 1, e che erano stati visitati in uno dei due ospedali di Boston ( Stati Uniti ) nel periodo 2000-2016.

Nello Stato del Massachusetts, la Marijuana medica è stata legalizzata nel 2012 e la Marijuana per uso ricreativo può essere venduta agli adulti di età superiore ai 21 anni entro luglio 2018.

I ricercatori hanno identificato il consumo di Cocaina o di Marijuana dalle cartelle cliniche.
I pazienti avevano un'età media di 44 anni, e il 19% erano donne; Il 73% erano bianchi.
125 pazienti ( 6% ) hanno fatto uso di Marijuana e 99 ( 4.7% ) avevano assunto Cocaina, inclusi 36 pazienti che avevano consumato entrambe le droghe.

L'uso di Cocaina è rimasto relativamente stabile, ma l'uso di Marijuana è aumentato durante il periodo di studio.

Al basale, rispetto ai non-utilizzatori, i pazienti che facevano uso di Marijuana avevano meno probabilità di avere il diabete mellito ( 10.7% vs 20.4% ), ipertensione ( 34.4% vs 47.3% ) o iperlipidemia ( 48.8% vs 60.8% ), ma erano più propensi a essere fumatori correnti ( 65.6% vs 49.1% ) ( tutte le differenze sono risultate significative ).

Anche rispetto ai non-utilizzatori, i pazienti che hanno assunto Cocaina hanno presentato tassi simili di diabete mellito e di ipertensione, ma tassi significativamente più bassi di iperlipidemia, e avevano una maggiore probabilità a essere fumatori.

Durante il follow-up, il 18.8% dei consumatori di sostanze rispetto all'11.3% dei non-utilizzatori è deceduto; Il 9.4% e il 5.3%, rispettivamente, sono deceduti per cause cardiovascolari.

Il tasso annuale di mortalità era più alto nel gruppo Cocaina, seguito dal gruppo Marijuana.

Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire gli effetti cardiovascolari di queste sostanze comunemente usate, identificare le caratteristiche dei giovani pazienti a maggior rischio di sviluppare infarto miocardico durante l'uso e sviluppare strategie di trattamento basate sull'evidenza per migliorare gli esiti in quei pazienti che presentano sindromi coronariche acute. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2018

Cardio2018 Psyche2018 Farma2018


Indietro