Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Vericiguat riduce gli eventi nei pazienti con insufficienza cardiaca ad alto rischio: studio VICTORIA


Vericiguat, un nuovo stimolatore orale della guanilato-ciclasi solubile, ha ridotto l'incidenza di ricovero in ospedale per scompenso cardiaco o di morte per cause cardiovascolari rispetto al placebo nei pazienti con insufficienza cardiaca ad alto rischio.

Poiché Vericiguat è un medicinale da assumersi una volta al giorno, facile da titolare, generalmente sicuro e ben tollerato senza la necessità di monitorare la funzionalità renale o gli elettroliti, può avere un ruolo nei pazienti con recente peggioramento dell'insufficienza cardiaca.

Sono stati analizzati i dati di 5.050 pazienti ( età media, 67 anni; 24% donne ) con scompenso cardiaco cronico dopo un evento in peggioramento.

Dopo un periodo di screening di 30 giorni, i pazienti sono stati assegnati a 2.5 mg di Vericiguat ( n = 2.526 ) oppure placebo ( n = 2.524 ).
La dose di Vericiguat è stata aumentata in modo graduale a 5 mg e quindi alla dose target di 10 mg una volta al giorno in base ai sintomi clinici e alla pressione arteriosa.
I pazienti sono stati seguiti a distanza di 2 settimane e 4 settimane e successivamente ogni 4 mesi.

L'outcome primario era un composito del primo ricovero in ospedale o morte per cause cardiovascolari.
Gli esiti secondari includevano componenti dell'outcome primario, un composito di morte per tutte le cause o primo ricovero per insufficienza cardiaca, primo e successivo ricovero per insufficienza cardiaca e morte per tutte le cause.
Gli esiti di sicurezza predeterminati erano sincope e ipotensione sintomatica.

L'outcome primario si è verificato nel 25.5% dei pazienti assegnati a Vericiguat rispetto al 38.5% in quelli assegnati al placebo durante una mediana di 10.8 mesi ( hazard ratio, HR = 0.9; IC al 95%, 0.82-0.98 ), il che ha portato a una riduzione assoluta dell'evento del 4.2 per 100 anni-paziente.

Il ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca è stato osservato nel 27.4% nel gruppo Vericiguat rispetto al 29.6% nel gruppo placebo ( HR = 0.9; IC 95%, 0.81-1 ).

La morte per cause cardiovascolari si è verificata nel 16.4% dei pazienti assegnati a Vericiguat e nel 17.5% di quelli assegnati a placebo ( HR = 0.93; IC 95%, 0.81-1.06 ).

L'esito secondario prespecificato di morte per qualsiasi causa o ricovero in ospedale è stato osservato nel 37.9% nel gruppo Vericiguat contro il 40.9% nel gruppo placebo ( HR = 0.9; IC 95%, 0.83-0.98 ).

I pazienti assegnati a Vericiguat tendevano ad avere tassi più alti di ipotensione sintomatica ( 9.1% versus 7.9%; P = 0.12 ) e sincope ( 4% vs 3.5%; P = 0.3 ) rispetto a quelli assegnati a placebo.

Il numero necessario da trattare ( NNT ) per 1 anno per prevenire un evento con esito primario è stato di circa 24 pazienti in base alla riduzione dell'evento assoluto. ( Xagena2020 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020


Indietro