52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Risultati ricerca per "Malattia coronarica"

La malattia da Coronavirus 2019 ( COVID-19 ) può influenzare in modo sproporzionato le persone con malattie cardiovascolari. In questo contesto clinico sono state sollevate preoccupazioni per un pot ...


Tra i pazienti con malattia coronarica stabile e ischemia moderata o grave, non è chiaro se gli esiti clinici siano migliori in coloro che ricevono un intervento invasivo più una terapia medica rispet ...


COVID-19 può avere conseguenze fatali per le persone con patologie cardiovascolari sottostanti e può causare lesioni cardiache anche in pazienti senza patologie cardiache sottostanti. Le malattie v ...


Esistono dati limitati da studi randomizzati che hanno valutato l'uso della terapia antitrombotica in pazienti con fibrillazione atriale e malattia coronarica stabile. In uno studio multicentrico i ...


Il ruolo della valutazione della possibilità di vitalità miocardica nell'identificazione di pazienti con cardiomiopatia ischemica che potrebbero trarre beneficio dalla rivascolarizzazione chirurgica r ...


Gli adulti con una storia di artrite giovanile presentano un rischio maggiore di malattia coronarica rispetto a quelli senza artrite. Per analizzare il rischio di malattia coronarica negli adulti c ...


L'anticogulante Rivaroxaban ( Xarelto ) è risultato associato a un ridotto rischio di eventi tromboembolici tra i pazienti con insufficienza cardiaca e malattia coronarica. Il tasso di infarto mio ...


Dallo studio ODYSSEY OUTCOMES è emerso che l'inibitore PCSK9 Alirocumab ( Praluent ) era superiore al placebo riguardo alla riduzione degli eventi cardiovascolari ischemici nei pazienti con storia di ...


Rivaroxaban ( Xarelto ) a basso dosaggio aggiunto alla terapia antipiastrinica è risultato associato a un ridotto rischio di eventi tromboembolici nei pazienti con insufficienza cardiaca. Nell'anal ...


Dallo studio EMPA-HEART il trattamento dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia coronarica stabile, con Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del co-trasportatore di sodio ...


Dallo studio ASPREE è emerso che, tra gli anziani, l'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio non riduce il rischio cardiovascolare, rispetto al placebo, ma provoca un aumento del rischio ...


Da uno studio è emerso che la disfunzione erettile è un predittore indipendente di futuri eventi di malattia cardiovascolare. Il rischio associato con la disfunzione erettile e gli eventi cardiovasco ...


Il rapporto testosterone / estradiolo nelle donne in postmenopausa è risultato associato a un maggior rischio di infarto miocardico, ictus e insufficienza cardiaca nell'arco di 12 anni. E' anche emer ...


I pazienti con malattia infiammatoria intestinale presentano un rischio più elevato di infarto miocardico acuto e di insufficienza cardiaca, anche se non hanno una più alta prevalenza dei tradizionali ...


In una recensione pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology ( JACC ), quattro Esperti hanno dichiarato che non vi è alcun motivo per utilizzare gli ACE-inibitori per trattare l'iper ...